4Ther Muckers over the top!

postato in: News | 0

Una talentuosa band emergente milanese vincitrice del Tour Music Fest il Festival presieduto da Mogol e Kara DioGuardi.
I 4ther Muckers a Roma per la Finale Europea del Tour Music Fest 2021 dove la musica del futuro prende vita.
Determinati, creativi ma soprattutto pieni di talento: con la loro determinazione, sensibilità vocale e musicale, i 4ther Musckers, una talentuosa band milanese, dopo un percorso durato 6 mesi, sono riusciti a conquistare la commissione artistica del Tour Music Fest – The European Music Contest e ad aggiudicarsi il titolo di miglior Original Band della XIII edizione.
Il traguardo raggiunto dai 4ther Musckers, band di Milano, è davvero importante considerando gli oltre 20.000 tra artisti e band partecipanti.
Durante la Finale Europea, i 4ther Muckers avranno l’occasione di esibirsi nuovamente con il brano che gli ha consentito di vincere la categoria Original Band, in un contesto in cui andranno in scena le performance degli artisti del TMF ancora in gara, provenienti da tutte le regioni d’Italia per un vero e proprio Live Music Show, dove la musica del futuro prende vita. Negli anni passati molti artisti del calibro di Mahmood, Ermal Meta, Federica Abbate e molti altri, sono passati da emergenti proprio da questo evento.
I 4ther Muckers hanno convinto la giuria del Tour Music Fest con il loro approccio vocalmente maturo, dimostrando una capacità decisamente rara di saper giocare con la musica, la voce ed il suono, qualità sicuramente utili per rincorrere il sogno di vincere i fantastici premi in palio.
I 4ther Muckers, prima di essere premiati, si esibiranno al cospetto dei presidenti di giuria Mogol e Kara Dioguardi (ex giurata di American Idol, cantautrice di livello mondiale e autrice per Pink, Demi Lovato, Laura Pausini e Ricky Martin), di Massimo Varini, e dei rappresentanti di Berklee – College Of Music.
Il prossimo appuntamento per i 4ther Muckers con il Tour Music Fest sarà il 14 Novembre all’Auditorium del Massimo di Roma in Via Massimiliano Massimo 1.
Partner della manifestazione: Riunite, Berklee College Of Music, AlgamEko, Today, Noise Symphony.

Lime Juice

postato in: Artisti | 0

Lime Juice formed in 2018 in Rome by Alessandro, Daniele, Luca and Cristina. The release of their debut EP “Gardenia” in April 2019 led to the band becoming considered protagonists of the emerging Italian underground rock scene, with the single “Quietude” receiving considerable airtime on radio stations across Europe and the UK. Despite a relatively short existence, their explosively communicative live shows have led to them opening for internationally touring artists such as Terra Naomi (USA), Holy Serpent (AUS) and Giöbia (ITA). In 2020, the group had their say on the “Black Lives Matter” movement, releasing a cover of “Love and Mercy” (Brian Wilson) to support the cause. 2021 saw the band reach new heights as they were signed to Rocketman Records (Milan), with their initial output overseeing the release of a series of highly anticipated singles. The first, “Malibu”, is set for publication on the 17th September 2021.

I Lime Juice nascono a Roma nel 2018 e sono Alessandro (Chitarra + Voce); Daniele (Basso + Voce); Luca (Batteria) e Cristina (Synth/Organo). Il loro sound è uno scontro tra indie e psychrock. Pubblicano il primo EP “Gardenia” nell’Aprile 2019, che assieme al singolo “Quietude”, ha reso la formazione protagonista nella scena emergente Italiana. Il loro singolo infatti è stato in rotazione su numerose radio internazionali; inoltre la band ha avuto la possibilità di aprire artisti di notevole spessore tra i quali i Giöbia (ITA), Terra Naomi (USA) ed i Holy Serpent (AUS). Attenti alle vicende di cronaca e attualità, nel 2020, condivisero la propria opinione sul movimento “Black Lives Matter”, pubblicando una cover di “Love and Mercy” (Brian Wilson) per promuovere la causa. Il 2021 segna un nuovo e atteso capitolo nella storia della band partendo da “Malibu”, la cui uscita è prevista per il 17 Settembre sotto RocketMan Records.

SHONAN

postato in: Artisti | 0

Gli Shonan nascono a Parma, in una stanza parecchi metri sotto terra, a Febbraio 2011. In poco tempo scrivono abbastanza musica da potersi permettere, tra una visita e l’altra della polizia locale, di uscire da quella stanza e cominciare a fare concerti. Il sound è uno scontro tra punk e hard rock, i testi drammaticamente autobiografici, e la voglia di farsi sentire rende i concerti energici e apprezzati dal pubblico. Dopo la pubblicazione del disco Farewells & Pillows e dei due singoli Uh, Sha La La La! e Fall From Grace, il trio intraprende una lunga serie di concerti e si concentra nel frattempo sulla scrittura del secondo album, influenzato nelle tematiche e nel sound da tutte le discutibili esperienze vissute nel frattempo. Il disco si intitola Kriminals! e segna un nuovo e atteso capitolo nella storia della band.

SHONAN – Kriminals

postato in: Ultime uscite | 0

Nuovo album per il trio parmense Shonan, che infilano 12 nuovi brani di hard punk rock da svalvolare! Un viaggio sonoro attraverso brani che parlano di quadri suburbani, di cose che vanno a fuoco, di relazioni impossibili, del tempo che si passa fissando lo schermo del cellulare, della pioggia d’estate; ci sono sirene che cantano, cantanti anni ’60 che imperversano, buchi neri, aerei che si schiantano su edifici in fiamme, stelle cadenti e umanoidi appena riassemblati e piuttosto confusi. Ritmiche serrate, basso tonate e chitarre taglienti fanno da sfondo a voci graffianti e melodiche allo stesso tempo. Da avere!

WATCH VIDEO! https://www.youtube.com/watch?v=28Yw59DrSSE

BUY NOW http://www.rocketmanrecords.com/prodotto/shonan-kriminals/

My Sunday Spleen – Prisoners of nowhere

postato in: Ultime uscite | 0

Secondo disco della band ormai veterana della scena Milanese. Il disco è il risultato di tre lunghi anni di lavoro. Le registrazioni sono iniziate pochi giorni prima del lockdown, poi l’emergenza sanitaria ha costretto ad abbandonarlo per riprenderlo e finalizzarlo durante i mesi estivi. Il periodo ha visto la band rimanere letteralmente chiusa dentro i Real Sound Studios, e sotto la guida esperta di Ettore “Ette” Gilardoni e Roberto Gramegna, hanno dato luce al nuovo album. Il risultato è un lavoro “a fuoco” sulle nostre prigioni interiori, un buio che ci tiene al guinzaglio e ci distanzia dal nostro vero Essere. Lo stile è cambiato, si è fatto secco, teso. È emerso il lato più ‘anarchico’  della band, ma la melodia rimane la rotta delle canzoni. 

Se“Before”era il disco dei sentimenti,“Prisoners of Nowhere”è il disco delle emozioni

“Viviamo un’epoca dark, ambigua, attraversata da un’inquietudine che esplode nella nostra musica, nei nostri testi, i nostri comportamenti. Il disco riflette su questa sensazione di libertà condizionata alla quale il più delle volte ci consegniamo per paura di trasformare le cose.”

Matthew Price Ufficio Stampa RocketMan Records 

COMPRA SUBITO/BUY NOW

UNDERZONE s/t

postato in: Ultime uscite | 0

Post punk diretto, o meglio, punk wave con sintetizzatori e drum machine, l’album è un percorso visionario tra realtà e futurismo, che non trascura né il vissuto né la fantasia, composto da 5 brani inediti. Il sound, chiaramente ispirato agli anni 80, ne acquisisce lo spirito dirompente proiettandolo nel nuovo millennio.

BIO

COMPRA SUBITO/BUY NOW

UNDERZONE

postato in: Artisti | 0

La band nasce a Messina nei primi mesi del 2016 quando Stefano Restivo e Tiziano Giunta decidono di dar vita ad un progetto musicale con l’intento di reinterpretare il punk e il post-punk degli anni ottanta coinvolgendo da subito Francesco Zagami, vecchia conoscenza musicale e non solo dei due. Dopo un lungo periodo di sperimentazione e ricerca sonora il progetto denominato Underzone prende forma e sostanza, la drum machine sostituisce la batteria acustica e, con l’inserimento dei sintetizzatori, ne viene definito il sound. La band è pronta per iniziare le registrazioni delle prime 5 tracce dell’omonimo album d’esordio e, contemporaneamente, gli Underzone debuttano live al Retronuveau di Messina aprendo ai fiorentini Neon. Da subito etichettati “punk-wave”, gli Underzone entrano nell’orbita della Rocketman Records di Milano, che ne pubblica l’album a giugno 2020.

Underzone: Tiziano Giunta (basso) Stefano Restivo (voce e chitarra) Francesco Zagami (sintetizzatori e drum machine).

OFFICIAL FACEBOOK