ROIPNOL WITCH

postato in: Artisti, Forward Music | 1

Le Roipnol Witch sono le sorelle Giuly Witch (voce e chitarra) e Lady Marty (voce e basso) che insieme a Queen Farncy (chitarra) e Massi (batteria) portano avanti il progetto della band al femminile dal 2002.
Nel 2004 hanno registrano il primo album autoprodotto“Mekes me sick”.
Con la promozione del disco, hanno intrapreso una fortunata serie di concerti on the road; oltre ad aver battuto in lungo e in largo la tanto amata Emilia Paranoika, le Roipnol hanno toccato, con i loro live, quasi tutte le estremità della penisola, dal Piemonte alla Puglia, dalle Marche alla Campania, passando per Veneto, Lombardia, Emilia, Umbria, Toscana e Romagna.
Fin dagli albori le Roipnol Witch hanno sempre sostenuto e promosso la collaborazione con le band femminili del panorama italiano; in questo modo dal 2006 le manifestazioni rock al femminile sono diventate il pane quotidiano della band.
Nel 2005 le Roipnol Witch hanno vinto il premio come miglior voce, suonando davanti a 5 mila persone al Venerelettrica female festival  a Perugia. Hanno preso parte inoltre al Rock 4 women2006 a Modena (nel 2006 per i 60 anni del voto alle donne), Donne in Rock sul lago di Como, Woman no cry ad Ancona, il Just a Girl emiliano, La rottura delle acque all’ EKIDNA di Carpi e ad innumerevoli grrrls night in giro per l’Italia.
Dalla voglia di coinvolgere e far squadra con la fertile scena rock femminile italiana, assieme alla collaborazione delle amiche Kyuuri, creano il ROCK WITH MASCARA, serata itinerante con live di female bands come Kyuuri Diva Scarlet, Dissolutio, Anphetamina c, Titti twister, Super Squillo e tante altre.

Nel 2009, dopo una lunga serie di live, il gruppo decide di fermarsi per entrare in studio. Con la produzione artistica di Mono (FFD), le Roipnol Witch registrano le 13 tracce dell’Album “Once upon a time” insieme a Davide Cristiani al “Bombanella studio”, sala di incisione persa tra i colli modenesi, dalla quale è stato sfornato anche l’album A2 di Beatrice Antolini. Le Voci di Giuly witch e Lady Marty, sono invece state curate da Olly (The Fire, Shandon). Rescue, il primo singolo  estratto dal disco, vanta la produzione artistica di Livio Magnini (Bluvertigo), mentre il secondo singolo, Karma Love, è stato mixato da Matteo Ciffelli.
Once upon a time, uscito per l’etichetta Duchess records, alterna momenti di alternative rock più melodici a grintose espressioni rock’n’roll, reminescenze 80’s a ballate distorte. Il disco raggiunge inaspettatamente la 20esima posizione nella classifica di vendite di I-tunes. Le influenze provengono sia da gruppi e voci femminili come The Organ, Yeah Yeah Yeahs, Magneta Lane, Juliette and the Licks, Girl in a coma, Hole ma anche band come Arcade fire, Editors, Cure, Clash.

L’album è stato masterizzato presso gli Abbey Road studios di Londra da Sean Magee.

Durante l’estate 2010 è uscito anche l’EP Far  Far Away;  tre tracce di cui le cover di Locomotion di Little Eva tradotta in italiano e It’s my party di Leasly Gore viene pubblicato solo su chiavetta usb dal simpatico design guitar shape.

Del 2013 è la registrazione del nuovo EP “Non è un paese per artisti”, prodotto da Ettore “ette” Gilardoni al Real Sound Studio di Milano, con uscita a gennaio 2014, che precede l’uscita di un nuovo album durante l’anno.

Acquista Ora

DISCOGRAPHY

MakeS me sick, CD – autoprodotto 2004

Once upon a time, CD – 2009 Duchess Records

Far Far Away, EP in chiavetta USB – 2010

Non è un paese per artisti, EP CD – 2014 Rocketman Records

MORE INFOS

OFFICIAL SITE

FACEBOOK PAGE

YOU TUBE

The MAMA BLUEGRASS BAND

postato in: Artisti, Rewind Music | 1

Strumenti acustici tipici dei vecchi blues americani delle origini, come violino e banjo, sono affiancati da un groove moderno e ritmato dato da chitarre elettriche, basso e batteria,  che riescono a trasmettere anche su disco la grinta e l’affiatamento che da sempre caratterizzano i concerti live del gruppo in tutta Europa.

La Mama Bluegrass Band mette tutto il suo bagaglio di esperienze musicali che in questi anni di attività ha continuato ad arricchirsi. In particolare il roster della band può contare su:

Alberto Santamborgio – BANJO. Banjoista eclettico, calca le scene da vent’anni militando in svariate formazioni tra le quali “Mamagoose e i Fiati Pesanti” (anche come chitarrista rhythm’n’blues)
Marco Castelli – BATTERIA. Batterista, cantautore e polistrumentista, negli ultimi anni anche autore e musicista a teatro come sparring partner di Raul Cremona;
Lorenzo Marinoni – BASSO. Naturalizzato bassista, nasce come sassofonista di gruppi rhythm’n’blues e ska (Gazpacho, gruppo targato Tube Records);
Davide Peri – CHITARRA. Chitarrista di radice rock blues che vanta collaborazioni, tra gli altri, con Jack Iaselli e Brunella Boschetti Venturi.
Daniele Borghi – VIOLINO. Professionista diplomato al conservatorio, nonostante la giovane età vanta importanti esperienze live sui palchi di mezza italia con formazioni classiche e folk.
Marco Andrea “Francis” Carnelli – VOCE E CHITARRA ACUSTICA. Arrangiatore e autore, polistrumentista, percussionista del quintetto manouche Bellavista, ha militato nei Merci Miss Monroe (Ghost Records) e ha collaborato con Ezio Guaitamacchi cantando nel disco allegato al libro “Love and Peace”;

Acquista Ora

DISCOGRAPHY

The Mama Bluegrass Band, CD

Boots, Beers and Cigarettes, CD

The Mama Bluegrass band at Nidaba, CD live

Living in a B Movie, CD digipack – 2014 Rocketman Records

MORE INFOS

OFFICIAL SITE

FACEBOOK PAGE

TWITTER

YOU TUBE

OLLY RIVA & The Soul Rockets

postato in: Artisti, Rewind Music | 1

Ci sono musicisti e artisti che hanno fatto della loro musica un marchio di fabbrica, ripetendolo per anni senza mai cambiarlo. Non è il caso di Olly Riva che, anzi, del cambiamento ha sempre fatto la sua forza, dagli inizi punk con i CRUMMY STUFF, passando per lo skacore degli SHANDON, lo swing con il progetto Olly meets the GOODFELLAS e negli ultimi 7 anni il rock dei THE FIRE.

La costante inevitabile è la sua voce. La si può riconoscere tra centinaia.

E questa volta Olly è voluto tornare alle origini, alla musica con cui è cresciuto da bambino, e che il padre gli faceva sentire tenendolo sulle ginocchia mentre suonava il Farfisa ovvero il Soul e Rhythm’n’blues.

eh la fortuna di avere musicisti in casa…

Alla domanda che più di un amico sentendo i demo del nuovo progetto è venuta spontanea, ossia: “Ma perchè proprio ora ti metti a farlo?” la risposta è stata fin troppo semplice e ovvia “Perchè è una cosa che è venuta spontaneamente, e che è assolutamente dentro di me in questo momento della mia vita!” Quindi cosa c’è più bello di una cosa naturale e spontanea? Niente.

L’EP su vinile con i Soul Rockets, intitolato “Rock’n’Soul”, è la prima uscita di questo nuovo progetto e contiene 4 pezzi. Sul lato A due canzoni inedite: la title track “Rock n’Soul” in italiano e “Music in Black n’White” in inglese. Nel lato B invece troverete “Hey Barista”, cover del bellissimo (e come sempre molto ironico) pezzo scritto da Andy Macfarlane per i suoi Rock’n’roll Kamikazes, e “Fire”, grandissimo classico portato al successo da Jimi Hendrix.

Acquista Ora

OFFICIAL WEB SITE

PRIMA DONNA

postato in: Artisti, Rewind Music | 1

Glam-garage rockers Prima Donna deliver rollicking, street-smart sounds with a modern twist. Formed in Los Angeles in 2003, the band is comprised of singer/guitarist Kevin Preston, guitarist Erik Arcane, saxophone/keyboard player Aaron Minton, bassist “Lights Out” Levine, and drummer David S. Field. Two years later the band embarked on a European tour with like minded Texas Terri, offered their full-length debut Kiss Kiss for the Brunette label, and wrapped up the year opening for post-Sex Pistols project Glen Matlock & the Philistines on their U.S. tour. In 2008, as Prima Donna offered its sophomore record, After Hours, the band formed a friendship with Green Day, who enlisted Preston to join the touring lineup of Green Day side project Foxboro Hot Tubs. Radio airplay and U.S. tours with Eddie & the Hot Rods and U.S. Bombs frontman Duane Peters’ Gunfight the following year further raised Prima Donna’s profile, culminating in a support slot on Green Day’s 21st Century Breakdown world tour in Europe and later Asia.
Following Prima Donna’s extensive touring with Green Day, GD offered up their own Jingletown Recorders in Oakland for Prima Donna to use, and enlisted their head engineer, Chris Dugan, to guide the journey. The end result is the 12-song, Dugan-produced Bless this Mess, out in 2012 and precided by trhe single “Feral children” mixed by Grammy winner D. Sardy (Jet, Wolfmother, Slayer, Noel Gallagher, many more), and sonically calls to mind his most successful achievements.
During their european tour in 2013 Prima Donna stopped by Milan to record a brand new single, produced by Ette Gilardoni for Rocketman Records

ITALIANO

Formatisi nel 2003 a Losa Angeles, i Prima Donna sono una band di Glam rock con influenze  garage composta da Kevin Preston (voce, chitarra), Erik Arcane (chitarra), Aaron Minton (sassofono, organo), “Lights out” Levine (basso) e David S. Field (batteria). I Prima Donna sono stati uno dei gruppi con un curriculum live dei più nutiriti fin dall’iniziodella loro carriera, avendo partecipato a svariati tour europei e americani in solitaria o come opening act di grandi artisti del passato e di oggi (Glen Matlock e Green Day tanto per citarne alcuni) alternado lunghi periodi on the road a una manciata di singoli e  3 album (After hours, Kiss kiss, Bless this mess). L’amicizia personale di Kevin Preston con i Green Day e la sua partecipazione al progetto Foxboro Hot Tubs ha portato i Prima Donna ad essere conosciuti in tutto il mondo come supporto ai Green Day nel loro tour mondiale, ma soprattutto ad essere prodotti da Chris Dugan nello studio privato della  punk band losangelina. Il primo singolo dal titolo “feral Children”ad essere estratto da “bless this mess” è anche stato mixato da D. Sardy, produttore vincitore di numerosi grammy (Oasis, Jet, Rolling Stones e Wolfmother tra gli altri), ulteriore conferma del talento compositivo della band.

Durante il loro  tour europeo del 2013 i Prima Donna si sono fermati a Milano e hanno registrato un nuovo singolo prodoto da Ettore Gilardoni per la Rocketman Records

Acquista Ora

OFFICIAL SITE

BOOKING EUROPE

MANAGEMENT

NERO & The DOGGS

postato in: Artisti, Rewind Music | 1

Attivi nell’underground milanese dal 2009, Nero & The Doggs, prima conosciuti semplicemente come Doggs, sono l’incarnazione di quanto ci sia di più oscuro e minaccioso nelle vie della loro città natale; più c’è luce più c’è ombra. Nero and The Doggs hanno scelto questo lato della strada per proporre il loro sound tossico, crudo e miasmatico. Il mondo che li circonda è scuro, cupo, vizioso, acido e lacerante e  la loro musica  è fatta di chitarre slabbrate , pelli violentate, cupi assoli di violoncello, cavalcate dissonanti e distorte alternate a sghembi blues acustici . Semplice e diretto garage rock’n’roll: nulla di più nulla di meno, ma con una raggiunta maturità stilistica. Stooges, Mc5, Velvet underground, Dead Boys, New York dolls e Black Sabbath sono i numi tutelari della band da sempre, che nell’album “Death Blues” si mescolano assieme per generare un sound originale rendendolo un disco unico e prezioso per il panorama italiano.

Born from the union and division of differents souls, Nero & The Doggs are musically active in the underground scene since January 2009.

Nero is simply fuckin’ rock’n’roll. Just the sound of the street that reaches you and marks you deep down inside. It’s a wild music desease that explodes in your brain in the dark of the night.Nero is a rush of paranoia and truth, a rush of distorsion and feedback that chases you till death. The Doggs are his goodfellas. They are his armed arms against the law, against any kind of law, against any compromise, against the fake world that surrounds us, simply against you. Angry guitars that kick your ass, obsessive and psychedelic rhythms are their label mark. Nero & The Doggs are just a band of dirty,grave,raw,rotten rock’n’roll inspired by a true and deep passion for the musical garage/punk scene of the latest ’60 and ’70.Stooges, Mc5, Velvet underground, Dead Boys, New York dolls and Black Sabbath are their holy bible. Nothing more nothing less. Nero is the leader singer and bass player. He is the soul and the mouthpiece of this ensemble. The Doggs are the rest that completes the holy trinity.

“Nero doesn’t play for fun, doesn’t play for plasure. Plays to survive and to carry on the real essence of rock’n’roll.”

Acquista Ora

DISCOGRAPHY

The Doggs – 2009 EP – No front Teeth Records,

Black Love – 2011 EP – self-released)

Sounds of underground – 2010 compilation – Vololibero Edizioni

Red Sessions – 2012 Album – self-released

Death Blues – 2013 album, Rocketman Records

 

OFFICIAL SITE

FaceBook

You Tube

 

The Blues Snatch

postato in: Artisti, Rewind Music | 1

Il trio Mantovano dei Blues Snatch si forma nel 2012 con Sam Benatti all’organo Hammond e piano elettrico, Mattia MG chitarre e voce ed  Enrico “Master” Truzzi alla batteria e percussioni.

Provenienti da esperienze musicali diverse, rispettivamente Blues, Swing e Rock’n’Roll, Rock e Rhythm’n’Blues, i tre musicisti, già  professionisti in diverse band su territorio italiano, suonano brani originali, accomunati da un grande interplay e dall’amore per il jazz.….. all Italian Style!!!

Dopo una lunga serie di acclamati live nei locali del circuito blues e jazz italiano a Gennaio 2013 la band ha firmato un contratto con Rocketman Records per la pubblicazione del loro primo album dal titolo “women, rose and rings”.

     Acquista Ora

The Blues Snatch, a trio formely from Mantova (Italy), is Sam Benatti, on hammond and electric piano, Mattia MG on guitar and vocals and Enrico”master”Truzzi on drums and percussions.

Coming from different musical experiences like blues, swing, R’n’R and rhythm’n’blues, the three musicians are well known professionals of the Italian music scene and they joined together in 2012 to play original songs with a great love for jazz and swing…..all Italian style!

After a long period of live touring in the blues and jazz clubs of the Italian scene, in January 2013 the band signed with Rocketman Records for the recording of their forthcoming first album titled “women, rose and rings”.

MORE INFOS

The Backseat Boogie

postato in: Rewind Music | 1

I Backseat Boogie nascono nella zona di Milano nel 2007 come trio rockabilly per poi diventare un quartetto dopo alcuni anni con l’aggiunta di un armonicista/sassofonista.
Definire la musica dei Backseat Boogie “rockabilly” sarebbe incorretto, o quantomeno riduttivo. Il loro sound è una miscela originale di country, rockin ‘blues, boogie e rockabilly integrando una solida sezione ritmica, una chitarra selvaggia, sassofono, armonie vocali e anche alcuni brani col banjo.
Il repertorio è in gran parte composto da brani originali che parlano della vita di tutti i giorni con testi intelligenti e ironici. I loro spettacoli dal vivo sono scintillanti, energici e incisivi grazie all’esperienza che hanno guadagnato nel corso degli anni.
La band ha pubblicato un EP nel 2008 (“The Backseat Boogie Trio”), un LP nel 2010 (“Till The Day I Die”), hanno anche fatto parte della compilation SUMMER JAMBOREE #12 con il brano SLAVE TO THE RHYTHM e recentemente il loro lavoro terzo in studio prodotto con RocketMan Records, “Original Spirit” (2013). Per il singolo “All my friends are losers” è stato girato un videoclip nella campagna Toscana ed è ora online.
La band ha suonato in tutta Italia, Svizzera e Germania in molti club e locali e ha preso parte a tutte i più importanti festival italiani come Summer Jamboree, Get Rhythm, Moondogs Festival e molti altri, sempre distinguendosi per la originalità, verve e tecnica.

The Backseat Boogie was born in the Milan area in 2007 as a rockabilly trio and then became a quartet after a few years adding a harp/saxophone player.
Defining THE BACKEAT BOOGIE music ”rockabilly” would be incorrect or at least reductive. Their sound is an original blend of country, rockin’ blues, boogie and rockabilly integrating a solid rhythm section, a wild guitar, saxophone, vocal harmonies…and even some banjo tunes.

Continua

Los Kamikaze

postato in: Rewind Music | 1

I Los Kamikaze sono quattro amici di vecchia data accomunati dalla passione  per il punk rock, con il Mexico e i Ramones nel cuore. Dopo diverse esperienze in altre band, decidono di unirsi per dare forma al progetto Los kamikaze: il risultato è una miscela esplosiva di punkrock  rigorosamente cantato in spagnolo.

Dopo poche prove i quattro “giovani punk rockers” sfornano numerosi pezzi e cavalcano l’onda californiana partecipando alla compilation “Where the fun never sets 3” della Cabana1Records di San Diego, e vengono recensiti dalla critica americana come una delle migliori band del disco!

Continua

Chaos Surfari

postato in: Forward Music | 1

Il progetto Chaos Surfari nasce nel 2011- ispirato nel nome dall’omonimo racconto sci-fi del 1989 di Rudy Rucker e Marc Laidlaw – e racchiude cinque oscuri militanti del sottobosco musicale italiano. La loro musica si sviluppa nelle distorsioni, nei feedback, nella cruda realtà ma anche nell’immaginifico mondo del cinema e della fantascienza. I cinque provengono tutti da differenti progetti – Sottopressione, merci Miss Monroe, Samurai, Cheap Mondays, ThePinkRays – ed il loro sound si ispira ai Pixies, Nirvana ed Ash – in sintesi, gli anni 90 adesso.

Continua

Howlin Lou and his whip lovers

postato in: Rewind Music | 1

Howlin’ Lou and His Whip Lovers sono una delle realtà del panorama Rock ‘n’ Roll anni ’50 italiano più richieste.
Riuniti sotto il comando del carismatico leader Howlin’ Lou, i Whip Lovers provengono da varie esperienze musicali precedenti ed hanno fatto della Musica una vera e propria ragione di vita. Continua

1 2 3 4 5 6